sabato 18 ottobre 2008

Sono stati denunciati a piede libero sei cacciatori del salernitano da parte delle guardie giurate del WWF


Sono stati denunciati a piede libero sei cacciatori del salernitano, domenica 12 ottobre 2008, durante un’uscita di vigilanza venatoria dal Nucleo Guardie Ambientali WWF di Salerno. Questo intervento, atto a contrastare il fenomeno del bracconaggio, è partito simultaneamente già alcune ore prima dell’alba, in due zone diverse della provincia: nel territorio di Castel San Giorgio e con precisione nelle località di Santa Maria a Favore e Aiello e, nei territori di Castelnuovo di Conza e Santomenna. Presso gli uffici della sezione provinciale del Nucleo Guardie WWF, già da alcune settimane giungevano segnalazioni di denuncia di gravi illeciti penali ai danni della fauna selvatica, a causa dell’uso di richiami elettroacustici per attirare le quaglie e poi massacrarle. I due distinti gruppi di guardie ambientali, costituiti complessivamente da oltre quindici agenti, hanno pattugliato il territorio fino a localizzare alcuni richiami, grazie all’inconfondibile suono da essi prodotto. Gli agenti, ben nascosti tra la vegetazione presente, hanno atteso l’arrivo dei cacciatori, i quali sono giunti sul posto dopo un tempo d’attesa non molto lungo armati di fucile e con cani al seguito. Solo quando questi si sono avvicinati al richiamo sono stati fermati dalle guardie che hanno poi proceduto al sequestro dei mezzi e dei fucili atti a commettere il reato. Sono state così denunciate all’Autorità giudiziaria sei persone, una di queste ha anche cercato di occultare l’arma, e sequestrati cinque richiami acustici. “Con questa ennesima azione antibracconaggio il WWF ribadisce il proprio impegno a salvaguardia dell’ambiente e tutela della fauna selvatica con la speranza di suscitare l’attenzione dell’opinione pubblica su un problema che sta diventando una vera piaga troppo spesso sottovalutata o ignorata dalle istituzioni. – afferma Fabrizio Lullo coordinatore provinciale - I cacciatori, al pari dei singoli cittadini, sono responsabili del futuro del nostro ambiente naturale e della fauna selvatica che lo abita; affinché essa possa prosperare, occorre che tutti pongano in essere le misure idonee nel rispetto delle leggi che, per definizione del nostro sistema giudiziario, sono uguali per tutti ”.

1 commento:

Andrea ha detto...

CIAO ALESSIA,

SONO ANDREA LURAGHI,

SONO DA 5 ANNI VOLONTARIO DEL WWF ITALIA NELLA RISERVA DI "TORRE SALSA" A SICULIANA (AGRIGENTO)PER IL "PROGETTO TARTARUGHE MARINE (CARETTA CARETTA). NAVIGANDO IN INTERNET HO TROVATO IL TUO BLOG E HO POTUTO NOTARE CHE ANCHE TU AMI MOLTO LA NATURA.

TI INVITO A VISITARE IL SITO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE SALSA: http://www.wwftorresalsa.it/, DOVE GIOVANI DA TUTTA ITALIA OGNI ANNO D'ESTATE VANNO AD AIUTARE NELLA GESTIONE DELLA RISERVA E AD AIUTARE LE TARTARUGHE MARIENE E SI FANNO ANCHE UNA VACANZA A BASSO COSTO AL MARE (CHE NON GUASTA..). ANCHE TU POTRESTI PARTECIPARE QUEST'ESTATE. E' UNA SPLENDIDA ESPERIENZA. IL POSTO E' MERAVIGLIOSO E SI CONOSCONO GIVANI DA TUTTA ITALIA.

GRAZIE ANDREA

E-MAIL: andrea.luraghi@libero.it